Pagina iniziale / Strategie di Recruiting / Screening dei Candidati / Come condurre un colloquio di lavoro a studenti e candidati entry-level

Come condurre un colloquio di lavoro a studenti e candidati entry-level

Come condurre un colloquio di lavoro a studenti e candidati entry-level

Uno dei dubbi più comuni è chiedersi quali sono le domande intelligenti da fare a un colloquio al candidato studente o entry-level dato che questa categoria spesso difetta di un percorso lavorativo, e questo è proprio uno degli argomenti che affronteremo in questo articolo.

Sapendo come condurre un colloquio e ponendo domande da colloquio adeguate, puoi stabilire meglio la compatibilità del candidato con i requisiti dell’annuncio.

Assunzioni di lavoro per la Generazione Y durante un colloquio conosciti vo

I candidati della Generazione Y spesso difettano di esperienza di formazione incentrata sui comportamenti; soprattutto per i neolaureati spesso è un vantaggio quando il manager per le assunzioni di lavoro dedica qualche minuto a spiegare quali domande fare durante un colloquio conoscitivo, afferma Stacie Garlieb, autrice di My resume is perfect (I think)… so why didn’t I get an interview? Fast and easy guide for students and recent grads to write a resume that gets interviews!

Come intervistatori, è meglio offrire al candidato alle prime armi una direttiva chiara su come rispondere alle domande durante il colloquio di lavoro:

“Nel rispondere alle mie domande, per favore mi faccia qualche esempio preso dal Suo lavoro in classe o dai Suoi lavori precedenti. Mi dica nello specifico cosa ha fatto e i risultati che ha ottenuto.”

Anche dopo aver dato questo tipo di input, al fine di valutare le reali opportunità lavorative è probabile che il manager per le assunzioni avrà bisogno di indagare acquisendo maggiori dettagli con ulteriori domande durante un colloquio conoscitivo, aggiunge la Garlieb. Frasi come queste funzionano bene con studenti e candidati per lavori entry-level:

“Mi dica qualcosa in più su cosa ha fatto. Cos’è accaduto quando ha affrontato quel problema? Che valutazione ha ricevuto su quel progetto?”

Tre competenze lavorative fondamentali

A prescindere da dove, o anche se, uno studente abbia acquisito esperienza lavorativa, vi sono tre competenze che è un bene esplorare durante il colloquio perché sono sfruttate nella gran parte delle posizioni entry-level, afferma Martin Yate, CPC, autore di Hiring the Best: A Manager’s Guide to Recruitment and Selection. Queste tre competenze sono:

1) Amministrazione e organizzazione del tempo

In quanto all’amministrazione del tempo, chiedi al candidato:

“Mi dica come organizza la Sua giornata.”

Individua una risposta che indichi che il candidato prende in considerazione tutto ciò che ha da fare quel giorno e dà priorità alle proprie attività.

2) Capacità di problem-solving

Per valutare tale capacità, se il candidato ha esperienza lavorativa, durante il colloquio di lavoro poni domande del tipo riportato di seguito:

“Quali sono stati alcuni dei problemi tipici che ha avuto nello svolgimento di quel lavoro? Chi ne era responsabile? Cos’ha fatto circa tali problemi? Come ha proceduto per prevenire che si verificassero nel futuro? A quali capacità ha fatto ricorso per risolvere il problema?”

Se il candidato non possiede alcuna esperienza lavorativa, chiedi di situazioni a scuola o in attività di gruppo con una domanda del tipo:

“Mi dica di una volta in cui le cose sono andate storte a scuola o di quando ha lavorato con un gruppo e come ha risolto il problema”.

3) Capacità di comunicazione

Le capacità di comunicazione verbale possono essere valutate dal modo in cui parla il candidato e da come ascolta e risponde alle domande durante il colloquio di lavoro. Per esempio, risponde alle domande immediatamente o si prende del tempo per elaborarle?

Queste domande durante il colloquio di lavoro possono aiutarti anche a giudicare le capacità di comunicazione:

“Quali capacità di comunicazione tecniche utilizza? Con quali piattaforme ha familiarità oltre a Facebook e Twitter?”

Valutazione delle competenze trasversali

Successivamente, fai domande sull’intelligenza emotiva e sulle convenzioni sociali chiedendo prima:

Cosa diceva il Suo insegnante preferito di Lei?”

Approfondisci la domanda chiedendo:

Cosa diceva l’insegnante che preferiva meno di Lei?”

Queste domande da colloquio rivelano la visione del mondo di una persona e come si relazionerà a una figura di autorità nell’ambiente di lavoro, spiega Joseph Logan, autore di Seven Simple Steps to Landing Your First Job.

“Fai attenzione a cose troppo positive dette dall’insegnante preferito. “Il mio insegnante preferito diceva che dovrei vincere il Nobel”, sostiene. “Da quello meno amato, farei attenzione a qualcosa che darebbe interamente la colpa all’insegnante.” Ciò che vuoi sentire è: forse l’insegnante è stato ingiusto, ma ecco come ho contribuito e cosa ho fatto per lavorarci su.

Valutazione della motivazione

In seguito, passa alla motivazione. Inizia esplorando cos’è che motiva la persona alla ricerca del lavoro:

“Qual era l’aspetto che più La entusiasmava all’università? Quando non lavora, cose Le piace fare?”

Passa, quindi, da domande personali a parlare della posizione. Il candidato ha fatto una ricerca sull’impresa, indicando che desidera lavorare per la tua organizzazione:

“Perché desidera lavorare per noi?”

Scopri se il candidato sa cosa prevede la posizione chiedendo:

“Cosa sa su questo lavoro?” “Cosa vorrebbe sapere su questo lavoro?”

Queste risposte rivelano i valori e l’orientamento del candidato ad offrire un contributo, invece di incassare semplicemente uno stipendio.

Presta attenzione a risposte incentrate sull’allineamento con la tua cultura aziendale, ad esempio un candidato che risponde dicendo: “Comprendo appieno la mission di Humane Society e desidero fare qualcosa per contribuire al benessere degli animali. Mi piacerebbe offrire un contributo per aumentare il numero degli animali adottati.”

A questo punto del colloquio, come puoi condurre un colloquio e approfondire ulteriormente la parte relativa ai valori e all’etica sul posto di lavoro? Con una domanda come la seguente:

“Mi parli dei Suoi valori come persona.”

Questa domanda può generare un po’ di silenzio dapprima, ma un buon candidato darà risposte specifiche, come: “Sono leale, degno di fiducia e ho una buona etica lavorativa.” E la tua risposta? Chiedi dettagli che ti offriranno informazioni sulla persona che stai intervistando:

“Può farmi un esempio specifico di una volta in cui è stato leale?”

Quando ti trovi davanti un candidato alla ricerca di un lavoro entry-level che sembra adatto alla posizione, assicurati che la posizione sia adatta alla persona, mette in guardia la Garlieb. Scopri se il candidato capisce i risultati che desideri nel ruolo per il quale stai assumendo, magari chiedendo di fare un job shadowing (affiancamento al lavoro).

Inoltre, per condurre bene un colloquio parla di come l’organizzazione misura le prestazioni nei primi 90 giorni, sei mesi, e dopo un anno, se sia attraverso il monitoraggio dell’efficienza, della produttività o attraverso altre metriche.

“Se gli si offusca la vista o non senti nulla dall’altro capo del telefono, si tratta di qualcuno che non può assumersi quella responsabilità o che non riesce a visualizzarsi nella posizione”, conclude Stacie Garlieb.

Sei pronto ad usare le tue domande da colloquio per studenti e iniziare con le assunzioni?

Solo perché un candidato ha un curriculum corposo non significa sempre che sia la scelta migliore. Infatti, la scelta migliore potrebbe essere uno studente o un neolaureato dall’esperienza lavorativa limitata. Se stai cercando di trovare la persona giusta per la tua prossima posizione lavorativa, prendi in considerazione la pubblicazione del tuo annuncio di lavoro qui sul nostro sito. Con Monster puoi ottenere l’accesso a una distribuzione delle opportunità lavorative su scala locale e globale, candidati illimitati, descrizioni del lavoro precompilate e altro ancora. Scopri come puoi iniziare a postare un annuncio di lavoro oggi stesso.