Pagina iniziale / Gestione del Personale / Performance dei Dipendenti / Quale dovrebbe essere l’approccio alla gestione continua dei talenti?

Quale dovrebbe essere l’approccio alla gestione continua dei talenti?

Quale dovrebbe essere l’approccio alla gestione continua dei talenti?

Nella sua forma più semplice la gestione dei talenti si intende nel modo in cui identifichi, assumi e mantieni lo staff con gli skill necessari per la crescita e il successo della tua azienda.

Il primo obiettivo di una gestione adeguata dei talenti è sempre la produttività. Quindi è proattiva per la ricerca e il nutrimento del potenziale all'interno dello staff e all'esterno dell'azienda, e per il fatto che consente di crescere e di affidarvisi per raggiungere i cambiamenti e la crescita pianificati.

Col tempo proprio ciò che rappresentano cambiamenti e crescita si modificheranno nel tempo. Il bersaglio da centrare dovrebbe essere la predizione e il raggiungimento delle aree di importanza strategica.

Lo skill della gestione dei talenti consiste nel garantire, a prescindere dalle difficoltà a cui si trova di fronte l'azienda, che siano presenti i talenti in grado di identificarle, gestirle e superarle.

  • Conosci il tuo talento – Non commettere l'errore di ritenere che tutti i talenti si trovino nello scaglione superiore del management. Pensa in maniera più creativa. Estendi la definizione di talento fino a includere quelle funzioni specialistiche e che sono al contatto con cliente o altri ruoli di prima linea. Un numero crescente di aziende di successo si sta accorgendo che le persone in grado di far progredire l'azienda non occupano spesso posizioni manageriali.
  • Definisci le esigenze strategiche – Valuta innanzitutto le esigenze strategiche attuali e future e cerca le persone all'interno e all'esterno dell'azienda in possesso degli skill che consentano di raggiungerle.
  • Rendi partecipe lo staff del talento che cerchi – Definite le lacune, rendi noti allo staff gli skill e le competenze necessari. Puoi scegliere di consentire allo staff di candidarsi, di candidare colleghi o amici. Ricorda che se stai conducendo una sorta di programma di riferimento interno dovrai ricompensare in maniera adeguata.
  • Stabilisci i metodi di valutazione – Identifica metodi affidabili per la valutazione dei talenti e accertati che le persone comprendano le modalità di valutazione e la maniera in cui saranno utilizzate le informazioni per lo sviluppo della loro carriera. Un buon feedback per tutte le attività di valutazione e sviluppo è di importanza vitale.
  • Non superare i costi – Il costo della gestione dei talenti deve essere controbilanciato ed equiparato al superamento dei limiti di mercato, al colmare le lacune di talenti e al raggiungimento degli obiettivi strategici.
  • La misura del successo – Mentre le funzioni più tradizionali nel campo delle risorse umane misurano il successo in base al numero delle persone assunte, il successo delle strategie di gestione del talento è misurato dall'impatto complessivo sulla produttività. La misura finale è il ritorno in investimento misurato dal rapporto della spesa per la gestione del talento e con il valore dell'aumento del guadagno.

Le persone di talento desiderano lavorare in contesti avvincenti e stimolanti, dove possono crescere e apprendere e dove i loro sforzi saranno riconosciuti.

Tendono solitamente ad andar via, poiché so sentono demotivati, non perché guadagnerebbero di più altrove. Rendi la gestione dei talenti parte integrante della tua strategia e i dipendenti a elevato potenziale rimarranno e diventeranno parte intrinseca del successo dell'azienda.