Vai al contenuto principale
Switch to search results

Abilità per Giurisprudenza

Lavoro giurisprudenza: panoramica generale Il campo della giurisprudenza ha sempre avuto un'aura di fascino e ...

Candidature Salvato
Candidature Salvato
Candidature Salvato
Candidature Salvato
Vedi più annunci

Lavoro giurisprudenza: panoramica generale

Il campo della giurisprudenza ha sempre avuto un'aura di fascino e importanza: al suo interno gravitano figure di professionisti che lavorano come avvocati, notai, magistrati. Queste professioni sono complementari anche a chi ricopre una posizione di lavoro come consulente legale. Gli sbocchi sono tanti a seconda del conseguimento della laurea triennale o specialistica. Nel primo caso è possibile lavorare come impiegati nelle strutture pubbliche o private (banche, società di consulenza, aziende) mentre nel secondo caso, avendo una preparazione specificaci si può occupare di cariche dirigenziali, della carriera diplomatica, dell'insegnamento e dei campi precedentemente citati quali avvocatura, notariato e magistratura.

Lavoro giurisprudenza: requisiti formativi

Per immergersi in questo mondo è necessario laurearsi in Scienze Giuridiche (triennale). Successivamente il neolaureato è libero di intraprendere le professioni sopracitate o continuare con la magistrale (due anni ma in Italia molte facoltà istituiscono direttamente una formula quinquennale a ciclo unico), con periodo di praticantato di 18 mesi ed esame di abilitazione professionale.

Lavoro giurisprudenza: il mercato del lavoro

A seconda dello sbocco lavorativo scelto vi sono diverse richieste. Le offerte di lavoro per gli specialisti della giurisprudenza si diramano fra studi privati, banche, aziende, strutture di consulenza. Secondo recenti statistiche circa il 41% dei laureati magistrali lavorano ad un anno dalla laurea, dato che sale al 75% entro i 5 anni. Una cifra alta che si mantiene costante grazie alla possibilità di aprire una partita IVA e lavorare come libero professionista.

Lavoro giurisprudenza: informazioni sullo stipendio

Gli stipendi nel settore della giurisprudenza sono proporzionati ai lavori e alle responsabilità in carico. Per i neo avvocati si parte dai 1.200 euro ai 3.500 euro a seconda dei clienti seguiti. Allo stesso modo un notaio guadagna sui 2.000 euro ma è una cifra base che cresce a seconda dei clienti. Secondo stime recenti un notaio con molti clienti può guadagnare fino a 600.000 euro annui. I magistrati guadagnano dai 2.500 ai 7.500 euro a seconda dell'esperienza accumulata mentre per i laureati triennali che lavorano come impiegati la media è di 1.200 euro al mese.

  1. Giurisprudenza