Vai al contenuto principale

Info sul lavoro a Potenza (Basilicata)

Potenza: panoramica generale Potenza (68 mila abitanti) è capoluogo di provincia e della regione Basilicata. ...

Capo Turno

Potenza, Basilicata
Candidature Salvato

JUNIOR QUALITY ENGINEER

Potenza, Basilicata
Candidature Salvato

MANUTENTORI MECCANICI

Potenza, Basilicata
Candidature Salvato
Candidature Salvato

MANUTENTORE ELETTRICO ESPERTO IN PLC-POTENZA

Azienda in anonimo
POTENZA, Basilicata
Candidature Salvato
Vedi più annunci

Potenza: panoramica generale

Potenza (68 mila abitanti) è capoluogo di provincia e della regione Basilicata. Affascinante città di montagna (819 metri s.l.m.), Potenza ha un’economia molto articolata, che coinvolge capillarmente l’agricoltura, come l’industria e il settore terziario. Sul fronte dell’offerta di lavoro Potenza si presenta quale città per lo più dedita ai commerci, quantunque non manchino le industrie, e agricoltura e allevamento costituiscano ancora un valido apporto sia al reddito locale, sia all’occupazione. Credito, assicurazioni e impiego nella pubblica amministrazione, completano il quadro occupazionale. Il costo della vita, nel capoluogo lucano, è relativamente basso, e ciò si riflette positivamente sulle famiglie residenti.

Potenza: opportunità di lavoro

Le industrie alimentari trasformano i prodotti locali in pane e panetteria, in olio, in vino e in formaggi tipici. Buona la presenza, anche, di industrie calzaturiere e della lavorazione del legno. Il lavoro nel commercio a Potenza, si avvale di una fitta rete di negozi e centri commerciali, ed è punto di riferimento anche per i comuni limitrofi. Possibilità di occupazione provengono, poi, dalle aziende che commerciano in prodotti petroliferi, lubrificanti e combustibili per riscaldamento. Il lavoro in ingegneria a Potenza, infine, presenta progressivi ampliamenti.

Potenza: andamento dell'occupazione

Come opportunità di lavoro Potenza - secondo l’ultima analisi Excelsior di Unioncamere – offre, in primo luogo, occupazione nel comparto delle costruzioni (circa il 27%); poi in quello delle industrie metalmeccaniche ed elettroniche (23%); nel commercio (9%); nelle altre industrie (9%); nei servizi turistici, di alloggio e ristorazione (6%) e negli altri servizi (26%). Le assunzioni previste, secondo il grado di professionalità, riguardano per l’11,9% dirigenti, professionisti specializzati e tecnici; per il 25,6% impiegati e addetti alla vendita o ai servizi; per il 46,6% operai specializzati e conduttori impianti e macchinari; e per il rimanente 15,9% figure non professionali.

  1. Potenza