Skip to main content

Strategie per iniziare un nuovo lavoro senza stress – 2° parte

Strategie per iniziare un nuovo lavoro senza stress – 2° parte

Iniziare un nuovo lavoro senza stress

 

Immagine

 

Nel precedente articolo hai scoperto che iniziare un nuovo lavoro con serenità non è impossibile, basta organizzarsi, essere proattivi ed utilizzare gli strumenti informatici che si hanno a disposizione. Ma pc e tecnologia non bastano! Occorre sfruttare anche altre risorse. Ecco qui altre cinque strategie anti-stress:

 

- Compila una lista dei "to do"

Sebbene pc e tool informatici siano strumenti indispensabili, il tuo fedele alleato resterà la carta. Essere multitasking non significa avere dei super poteri, ma essere ben organizzati. Quando le cose da fare sono tante, è importante scrivere e segnarsi tutti i task giorno per giorno. Soprattutto se sei concentrato e stai svolgendo un compito importante e ti piovono addosso altre 10 richieste. Segnare tutti i "to do" e depennare dalla lista  le attività portate a termine ti darà un incredibile sollievo!

- Datti delle priorità

Tutto è importante, ma ci sono delle attività più urgenti di altre. All'inizio è indispensabile bilanciare le proprie energie e convogliarle verso quei compiti che richiedono la priorità. Cerca prima di capire come svolgere le attività "core" del tuo ruolo, quelle che hanno una scadenza periodica e che richiedono quindi da subito la tua attenzione, e successivamente inizia a dedicarti anche a progetti speciali.

- Prendi di “petto” i problemi

“Chi ben incomincia è a metà dell’opera” recitava qualcuno. Ma si sa che non tutti i compiti previsti nel nostro ruolo ci sono congeniali: ci sono attività che ci vanno a genio e altre che ci piacciono meno, che consideriamo noiose, ostiche e che ci mettono in difficoltà. In questi casi il segreto è non procrastinare, ma smarcare subito i task che richiedono una maggiore attenzione ed energia. Gestisci di prima mattina, quando sei più riposato e concentrato, le attività più impegnative e lascia a fine giornata i compiti più soft che richiedono un minor sforzo.

- Smaschera i falsi allarmismi

Succede sempre di ricevere richieste da parte dei colleghi, tutte urgenti e prioritarie. Magari il tuo posto è stato vacante per un po' e tutti si sono precipitati al tuo arrivo chiedendoti aiuto immediato per un progetto rimasto in stand by. Vorresti accontentarli tutti, ma non sai come gestire tutte le domande di supporto immediato. Con l'esperienza, per fortuna, imparerai presto a dare il giusto peso alle richieste e capirai quali sono i colleghi allarmisti ed ansiogeni. Smascherare inutili catastrofismi ti aiuterà a gestire il lavoro con più serenità.

- Conosci i tuoi colleghi

I primi tempi con tutte le cose da fare passerai molto tempo davanti ad uno schermo. Non  sottovalutare però l’importanza delle dimensione relazionale come condizione privilegiata per l’inserimento e l’integrazione in azienda. Sfrutta pause caffè e pranzi per conoscere i tuoi colleghi e fare domande. La pressione dei primi tempi si attenuerà se condividi preoccupazioni e problemi con chi c’è passato prima di te e vedrai che anche cinque minuti di convivialità serviranno per restituirti la giusta carica e raggiungere gli obiettivi.  

Tutte queste strategie ti aiuteranno a tenere sotto controllo la pressione delle prime settimane e, se proprio ti assale le paura di avere “una montagna di cose da fare”, ricordati sempre che il segreto per non soccombere sta proprio nell’iniziare. Passo dopo passo vedrai che la montagna non ti sembrerà più così alta!

[Leggi la prima parte dell'articolo]

Giada Baglietto
HR Consultant
www.fiorentemente.it


Back to top